Google Shopping: Tutto Quello Che Devi Sapere!

By Digital Chef - Advertising, E-Commerce, Google Shopping
google shopping

Google Shopping è un servizio che nasce dalle ceneri di Google Product Search, un servizio gratuito di annunci con schede prodotto. Dal 2012 si è trasformato nell’odierno Google Shopping [a pagamento], che mette direttamente in contatto il venditore con l’utente che cerca un suo prodotto. L’utilizzo da parte dell’utente è semplice, poichè i risultati appaiono sotto forma di mini-inserzioni dotate di immagine, descrizione, prezzo ed eventuali recensioni, semplicemente effettuando una classica ricerca sul motore di ricerca più famoso al mondo. Tuttavia questi sono solamente alcuni dei risultati totali provenienti dal canale Shopping di Google, che troverete invece nella sezione apposita “Shopping”, come avviene analogamente per “Immagini”, “Notizie” e le altre categorie.

es.ricerca-prodotto-ggogle-shopping

Come detto inizialmente, questi annunci sono a pagamento. I prodotti non sono quindi presi in modo automatico dal vostro sito o e-commerce ed inseriti nella ricerca, ma sarete voi a dover gestire in maniera autonoma quali e quanti contenuti pubblicare. Per fare questo, Google ha stabilito che dovrete avvalervi di altre sue due piattaforme: Google AdWordsGoogle Merchant Center, con i rispettivi account che dovranno essere collegati. Il primo serve a valutare le parole chiave [Keyword] più significative, mentre il secondo  serve per gestire le informazioni sui prodotti. L’ultimo passo, e il più importante, per poter essere inseriti nella sezione Shopping è quella di fornire a Google un “Feed”. Questo è un documento [in formato “.txt” oppure “.xml”] che è generalmente possibile scaricare dalla vostra piattaforma di e-commerce, e sostanzialmente è una lista dei vostri prodotti con determinati ulteriori attributi. Google richiede la massima precisione nei dati forniti, dai prezzi fino ai codici di identificazione univoca, oltre ad un aggiornamento periodico di tutto il feed.

Per quanto riguarda i costi, questo strumento si basa sul PPC [Pay Per Click] ossia le aziende offrono una determinata somma per ogni click ricevuto a seguito della sponsorizzazione. Per le aziende quindi, questo si tramuta in un CPC [Cost Per Click]. Va da sé che le Keyword più ricercate avranno un costo maggiore, ma a differenza di quanto accade in AdWords, in Google Shopping non è possibile piazzarsi su parole chiave specifiche. Sarà solamente possibile visualizzare le query di ricerca principali degli utenti per categoria di prodotto, e di conseguenza lavorare su titoli e descrizioni presenti nel feed per renderle il più possibile coerenti col messaggio e modificarne il posizionamento. Il posizionamento finale dipenderà quindi dall’ammontare dell’offerta fatta [più è alta, più si verrà posizionati meglio rispetto ai concorrenti], dalla qualità del feed [completo, esauriente e pertinente] e da uno speciale algoritmo di Google.

Tuttavia, anche se non è possibile inserire keyword specifiche per valorizzare la ricerca, è possibile ottimizzare la qualità dei vostri click agendo in senso opposto utilizzando delle parole chiave a corrispondenza inversa. Così facendo potrete escludere dai risultati i vostri prodotti se nella ricerca è stata inserita una determinata parola. Questo permette di scremare le ricerche non in linea con i vostri prodotti [es. *categoria prodotto* Gratis] oppure escludere quelle ricerche legate ad un brand, per esempio di un concorrente. In quest’ultimo caso è evidente che l’utente sta ricercando un prodotto più specifico, di una particolare marca, e quindi si può scegliere di non comparire in quella ricerca.

Proprio parlando dei competitor, potremmo concludere dicendo che Google Shopping è sicuramente uno strumento utile per chi possiede un e-commerce e voglia aumentare la visibilità e le possibilità di vendita dei suoi prodotti, ma è bene tenere in considerazione che i vostri prezzi e quelli dei competitor sono immediatamente visibili all’utente, e che per questo giocano un ruolo ancora più fondamentale. Se quindi avete dei prezzi superiori ai vostri concorrenti, è bene supportare la presenza su Google Shopping con adeguate campagne di comunicazione e marketing che rendano unici i vostri prodotti agli occhi dei consumatori per caratteristiche tecniche che per servizi offerti, sia in fase di vendita che nel post-vendita.

 

Tag: