Brand e Social: 7 Errori da Evitare [INFOGRAFICA]

By Digital Chef - Social Media, Social Media Marketing
7 errori brand e social

Per un brand la presenza sui social significa instaurare un rapporto molto stretto con il proprio pubblico, e richiede grande capacità di ascolto e di intuizione. Tuttavia, molto spesso queste capacità mancano, e di conseguenza manca la capacità di gestire le crisi che potrebbero minare l’immagine del brand, alimentando una spirale di perdita di controllo. Anche i migliori sbagliano, ma quali sono i 7 principali errori che commettono i brand sui social?

7-errori-dei-brand-sui-social-CORRETTA-948x1024

1. Pigrizia

La reputazione dei brand è veicolata non solo dai social media manager, ma anche dai suoi dipendenti ed è fondamentale che anche quest’ultimi diano voce al brand. Questo produrrà certamente benefici per il brand, ma senza un certo grado di controllo, è possibile che qualcuno possa mettere in pericolo la reputazione del marchio con contenuti inopportuni.

CONSIGLIO: Non peccate di pigrizia nel controllo a 360 gradi

2. Ignoranza del contesto

I brand devono conoscere il contesto in cui si muovono, i canali in cui postano contenuti e il proprio pubblico, per evitare di generare offese con contenuti non graditi. Per questo motivo è fondamentale, in particolar modo sui social media, definire un processo editoriale per evitare di incappare in spiacevoli vicende e rischiare di intaccare l’immagine del brand.

CONSIGLIO: Assicuratevi che il contenuto che si vuole postare sia rilevante per il pubblico, e assicuratevi di aver compreso come tale contenuto possa relazionarsi con l’audience 

3. Inopportunità

Ci sono momenti in cui i contenuti branded sono molto graditi, come per contro ci sono momenti in cui sono molto sgraditi. Se fatto correttamente e nei luoghi opportuni, un commento con un’informazione branded può essere una forma di marketing molto efficace; per contro, se fatto nel luogo sbagliato può creare un enorme contraccolpo.

CONSIGLIO: Attenzione ai modi, ai tempi e all’uso dell’umorismo, definite delle linee guida per il vostro brand

4. Superbia

Non vi è un solo brand che non abbia un cliente insoddisfatto, quindi prima o poi vi sarà mossa qualche critica, inutile nascondersi. I rischi sono tanti per il brand, ma di qualunque tipo siano i problemi bisogna affrontarli e dare risposta alle critiche mosse dagli utenti.

CONSIGLIO: Fornite una risposta, non tacete, e non mettetevi sulla difensiva: scusatevi son il cliente e cercate di proporre delle soluzioni

5. Sottovalutazione

I social media sono molto dinamici, quindi guardate in modo obiettivo il vostro operato e valutate gli eventuali imprevisti e problematiche che potrebbero sorgere, preparatevi delle possibili soluzioni e non sottovalutate i problemi ma affrontateli.

CONSIGLIO: Cerca di comprendere il prima possibile i rischi insiti nel tuo lavoro, cerca di minimizzare il rischio di una ripercussione negativa

6. Lentezza

Più del 50% dei clienti si aspetta di ricevere risposta a una domanda sui social media in meno di due ore, per questo è necessario predisporre un sistema che permetta di gestire le richieste in modo veloce ed efficace.

CONSIGLIO: Progettate il vostro work flow per la gestione delle richieste, e preparate il piano di risposta prima che la crisi si verifichi, non dopo

7. Freddezza

Troppi brand rispondono agli eventi in una maniera troppo “aziendalista”, robotica e distante, una cosa che all’utente social non piace.

CONSIGLIO: Durante le crisi l’approccio umano è sempre il migliore e raramente una dichiarazione scritta attentamente riesce ad avere una di queste qualità

Non vi resta che riflettere sulla vostra strategia social e prestare un po’ di attenzione per non incappare i questi 7 errori!

 

Tag: